memoria
Apre il sito della Provincia di Arezzo
Istituto/Museo AttivitÓ Luoghi Protagonisti Memoria Multimediale Libri Link Contatti Credits
 
Civitella In Val di Chiana Trascrizione

PietÓ del 1944!

La mattina del 29 era festa in parrocchia
per i santi Pietro e Paolo
ma il giorno che si apriva bellissimo
divent˛ nebbia fumo fuoco sangue
fragore di mitraglia grida di uccisi
essere uomini signific˛ morire
e gli uccisori non erano uomini ma fiere impazzite
Cadde il parroco sacrificato
benedicendo il suo popolo
bruciarono nel guscio delle case i vivi e i morti
- Addio Civitella che sarÓ di noi?
fu il lamento delle donne rimaste sole
Ora Civitella Ŕ risorta da roghi e da ortiche
i tumoli sono fioriti le lagrime seccate
i bambini che videro muti e pallidi sono cresciuti
il ricordo Ŕ cenere
che un vento di giorno in giorno disperde
Ma non sia dimenticato il delitto
che strazia anche l'inerme
sia fuggita la colpa
che macchia anche l'innocente
delitto e colpa che sono l'ingiusto guadagno e l'intolleranza
padre e madre della guerra

Franco Antonicelli

 
Bibbiena Capolona Castel Focognano
Scheda Garliano Scheda Cetica Zoom Garliano Zoom Cetica